Adriano Olivetti: un uomo, mille storie

pubblicato in: Home | 0

Alcuni ragazzi delle classi quarte sono stati coinvolti nel progetto che si occupava della progettazione di una mostra sulla figura di Adriano Olivetti, specialmente sulla parte editoriale e bibliografica.

Il nome di questo grande imprenditore è famoso per l’importante azienda fondata dal padre che si occupava della produzione e dello sviluppo delle macchine da scrivere.

La mostra organizzata dalla scuola è un itinire pensato come un libro, ovvero con un inizio, uno sviluppo e una conclusione. Il percorso inizia con alcuni degli scritti di olivetti e con le prime riviste di “Edizioni di comunità”. Molti infatti non sanno che l’azienda Olivetti fu importante anche per la sua attività editoriale grazie alla quale venivano prodotte riviste sempre più studiate ed elaborate che trattavano di politica, società, diritti dell’uomo, architettura ed educazione dei bambini.

La mostra ripercorre la storia di un uomo che non solo si occupava di una grande azienda, ma anche dei diritti e del benessere dei suoi dipendenti. Prima di diventare dirigente, Adriano Olivetti si impegnò a lavorare come operaio nella fabbrica per capire le esigenze dei suoi lavoratori. Questa sua esperienza fa sì che due architetti, Ridolfi e Frankl, studiassero degli ambienti specifici per la comodità dei lavoratori. Olivetti voleva che i dipendenti si sentissero non solo appagati del loro lavoro, ma anche privilegiati. Fu così che nacquero biblioteche, mense e asili per i figli dei lavoratori.

Gli studenti, che hanno progettato la mostra adattandola alla sala Farini della BCT, hanno deciso di concludere la mostra gli ultimi articoli che hanno scritto su Olivetti che si spense il 27 febbraio del 1960.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *